Il coraggio di manovrare

Sono l’oceano pacifico, il più grande di tutti.

Mi chiamano così da tempo, ma non è vero che sono sempre calmo.

A volte mi secco e allora dò una spazzolata a tutti e a tutto.

Oggi ad esempio mi sono appena calmato dall’ultima arrabbiatura.

Ieri avevo spolverato via tre o quattro isole e altrettanti gusci di noci che gli uomini chiamano navi (tratto da “Una ballata del mare salato” di Ugo Pratt).

La maggior parte delle persone ama pensare che il destino sia una forza immutabile che esiste a prescindere dalla volontà e che tanto vale quindi mettersi comodi sul divano in attesa che le cose si compiano.

Immaginiamo il destino come l’oceano e la nostra vita come una barca con il  timone in avaria in grado di manovrare solo di un grado.

Chi naviga sa benissimo che un grado di manovra sulla lunga distanza incide tantissimo, magari ci porta a scoprire l’America pensando di essere nelle Indie.

Questo per dire che le nostre azioni a prescindere dalla volontà mutano il corso delle cose.

Il coraggio di manovrare con il verbo osare: osare vuol dire prevedere che esiste una terza via tra una vita qualunque e una vita straordinaria, ma per farlo occorre alzarsi da quel divano e mettersi in gioco, accettare le responsabilità delle nostre scelte, finire di credere a quel fatalismo che ci porta ad invecchiare senza accorgercene, ad accontentarci del primo che capita pensando a quella concretezza disillusa che ci fa dire “meglio questo che niente”, ma quel niente ce lo porteremo per tutta la vita per paura di restare soli o per la mancanza del verbo osare.

Se non siamo preparati allo straordinario della vita non lo riconosceremo mai nell’attimo che passa.

Vedo il destino come una cornice, ma il compito di disegnare quel quadro spetta a noi anche manovrando di un solo grado il corso della vita.

Luca Oliver

Annunci

5 pensieri su “Il coraggio di manovrare

  1. Bellissimo!!! Hai pienamente ragione!!! Bisogna avere il coraggio di prendere in mano la nostra vita e guidarla al sicuro lontano dalla tempesta, magari prendendo anche decisioni difficili o dolorose ma che sono necessarie…i capitani della nostra vita siamo noi, solo noi. Un bacio immenso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...